lunedì 2 agosto 2010

**

Sai, nelle foto a volte ho quell'espressione, assorta, un po’ ingessata. Sembra che il flash abbia catturato dei pensieri che restano quasi sempre in penombra. Non tutto emerge scrivendo.


Sviscerare ogni sentimento o piccolo risentimento. Lo sto imparando con te ora. Il solo modo per evitare che un fiocco di neve rotoli a valle fino a diventare una valanga. E ciò che mi stai insegnando è che si può condividere il dubbio o il brutto anche senza conflitto. È un bel salto. Un salto oltre le solite stronze considerazioni che sei un idiota se decidi di aprirti a l’altro come un libro, chè il rischio è quello di essere mollati sul più bello, a metà lettura, proprio quando si arriva oltre la superficie.

Aprirsi completamente fino a farsi leggere nei pensieri in penombra. Lo puoi fare solo se non temi che l’altro diventi parte di te o tu di lui. Se non temi che l’altro possa condividere con te non solo l’epidermide lucente ma anche i muchi, le nervature, le secrezioni. Tutte quelle umane imperfezioni che normalmente nascondiamo al mondo.

Red Lilith {LN}

Nessun commento:

Posta un commento