lunedì 2 agosto 2010

Pensieri binari

Era il passo, credo. Cadenzato.

Che dava ritmo al mio respiro.
Sensi che bruciavano come incenso in una Chiesa.
Domava le fiamme salivando i miei pensieri.
Nervi scoperti, lubrificati con uno sguardo.
Ed era onda che si infrangeva sulla sua roccia.
Avvinta, allacciata, avvinghiata,
come il nodo del foulard che stringeva la mia cinta.
Sospiri che sorvolavano i miei respiri,
docili come l’organza,
pungenti come l’attesa.
Attesa muta,
che correva sui binari, lenti, dei miei respiri rappresi.
Arriverà l’ora.
Con il suo passo deciso,
a dare ritmo al mio respiro.
E sarà un giorno selvatico, tessuto da due bachi.
E sarà un giorno arrendevole, vincente nella sua resa.
Scivoloso e suadente,
come una leggera trama di seta.
Red Lilith{LN}

Nessun commento:

Posta un commento