giovedì 5 maggio 2011

La voce del prigioniero

“Certi dolori, che provo da sempre, son fuori dalle lacrime. Ho smesso di comprenderli. Nel silenzio che mi occlude, conosco soltanto il terrore di giungere a morte senza essere vissuto. Sono sull’uscio della mia vita e la contemplo, come un bene che non m’appartiene veramente.
Penoso dolore di prigioniero. Vedo tutto concesso agli altri, in un trionfo di felicità che non conosco”.
Red Lilith{LN}

Nessun commento:

Posta un commento